mercoledì 2 agosto 2017

Uscite libri Agosto 2017

3 agosto 2017
Il libro dell'estate-Michelle Gable
L’oceano e le rose selvatiche sulle dune fanno da cornice alla meravigliosa Cliff House, arrampicata in cima alla scogliera dello Sconset, sull’isola di Nantucket, e destinata a precipitare in mare a causa dell’erosione. Per la prima volta dopo anni, Bess Codman è costretta a lasciare la California e a tornare alla villa che i suoi antenati costruirono circa un secolo prima, per svuotarla in vista del triste destino che l’aspetta. Nonostante la sua reticenza, Bess deve affrontare la madre, Cissy, una donna determinata, che si rifiuta di abbandonare la dimora in cui ha sempre vissuto. Bess inoltre non solo si ritrova a dover fare i conti con un amore di gioventù, ma scova anche un piccolo tesoro: “Il libro dell’estate”, il registro degli ospiti di Cliff House, che tra le pagine sbiadite custodisce le affascinanti storie di coloro che l’hanno abitata. La nonna di Bess, Ruby, che scriveva sul libro dell’estate al tempo della seconda guerra mondiale, le ha sempre detto che «Cliff House è una casa di donne». Fino all’ultimo giorno dell’ultima estate, in quella casa sul mare, Bess si renderà conto che la verità delle parole di sua nonna è più profonda di quanto avrebbe mai potuto pensare.


Il settimo enigma-Barone
New York. Il palazzo delle Nazioni Unite è sotto attacco. Quattro terroristi sfondano il cancello di ingresso e muniti di cinture esplosive sparano sulla folla. È una terribile carneficina, con oltre trenta morti. Tra i numerosi feriti c’è anche Zeno Veneziani, pubblico ministero romano arrivato a New York per indagare sulla misteriosa morte dell’archeologo Leonardo Domianello.
Sierra Leone. Nigel Sforza, ispettore dell’Interpol, è appena giunto a una svolta nelle sue indagini. Gli indizi raccolti, tuttavia, lo hanno portato a una conclusione che ha dell’incredibile: un filo rosso lega tra loro un omicidio avvenuto nello stato africano, l’assassinio di Domianello al largo delle isole Baleari e la strage di New York. È solo la punta dell’iceberg di un disegno molto più grande. L’obiettivo è diffondere una terribile pandemia in grado di decimare il genere umano in poche settimane. Chi progetta un piano così folle e diabolico? Sforza e Veneziani uniscono le forze e scoprono l’esistenza di un vaccino, tenuto nascosto dalla multinazionale SunriseX International. Trovarlo prima che sia troppo tardi è la loro nuova missione. Ma per riuscirci dovranno prima risolvere il mistero che circonda il Settimo Enigma…

24 agosto 2017

Il buio al crocevia- Elliot Ackerman
È notte quando Haris Abadi si ritrova all’improvviso disteso per terra, a respirare polvere e fango, mentre mani sconosciute gli sfilano di tasca tutto, soldi, cartina, passaporto. Cittadino americano di origine irachena, con alle spalle una triste storia famigliare, Haris si trova in Turchia per attraversare il confine siriano e unirsi alla lotta contro il regime di Bashar al-Assad. Derubato di tutto, si vede quasi costretto a rinunciare all’impresa quando incontra Amir, un rifugiato siriano ed ex rivoluzionario che gli offre ospitalità e aiuto. Amir è sposato con Daphne, una donna di grande fascino ma incapace di nascondere come vorrebbe le sue inquietudini. Haris capisce subito che anche Daphne desidera disperatamente raggiungere la Siria. Ma questa consapevolezza porterà con sé nuovi, angoscianti dubbi: da che parte vuole davvero schierarsi, quella donna? Sarà possibile per entrambi ridare senso a una vita così sofferta?



29 agosto 2017
Sedici alberi- Lars Mytting
Un piccolo bosco composto da sedici pregiatissimi alberi di noce situato nella regione della Somme. Attorno a questa eredità si intrecciano i destini di Einar, abile ebanista norvegese, di suo fratello Bestefar, e del nipote di questi Edvard, scampato ancora bambino al misterioso incidente costato la vita ai suoi genitori. Quando Edvard, alla morte del nonno, decide di recarsi in Francia per scoprire la verità sul suo passato, le rivalità, le colpe e i segreti accumulati in oltre mezzo secolo di contrastate vicende famigliari vengono finalmente a galla.







30 agosto 2017

Pane al limone con semi di papavero- Cristina Campos
Anna, la sorella maggiore, bionda e delicata, e Marina il maschiaccio di famiglia, mora e rotondetta, sono cresciute insieme sulle spiagge di Mallorca. Le loro strade si sono separate molto presto e mentre Anna è rimasta sull'isola, si è sposata e ha una figlia adolescente, Marina fa parte di Medici senza Frontiere e vive dove la porta il suo lavoro. Quando giunge la notizia di una misteriosa eredità, le due non si vedono da molti anni: grazie al testamento di una donna di nome Dolores sono diventate le legittime proprietarie di un mulino e del piccolo panificio del paese. In un primo momento le sorelle non vedono l'ora di sbarazzarsene per continuare con le loro vite, ma trovarsi di nuovo unite in un progetto comune è strano e bello allo stesso tempo. Marina decide così di rimandare la partenza e fermarsi sull'isola fino a che non avrà scoperto il segreto che si cela dietro l'inaspettata donazione. Grazie al panificio e alle antiche ricette di famiglia, Marina, Anna e sua figlia Anita troveranno la forza per scoprire chi sono davvero e affrontare i loro problemi, le bugie e le insicurezze. E si scopriranno molto più forti e unite di quanto non sospettassero.


31 agosto 2017

La bellezza è una ferita- Eka Kurniawan
Dopo aver dato alla luce Bellezza, una bambina mostruosa, la prostituta Dewi Ayu muore, ma passati ventun anni risorge, scatenando panico e adorazione. Tra incesti, stupri, omicidi e altre violenze, Kurniawan ci racconta la sua storia e quella delle sue quattro figlie in un affresco lirico e iperbolico. E tra le pieghe di una saga familiare, nasconde una critica feroce del passato del suo paese: dall'avidità del colonialismo alla battaglia per l'indipendenza, dall'eccidio di quasi un milione di comunisti nel 1965 al dispotismo di Suharto.








Il settimo giorno-Yu Hua
Yang Fei esce di casa una mattina e trova una nebbia fitta mista a una strana neve luminosa: è in ritardo per la sua cremazione. Inizia così il viaggio nell’Aldilà di un uomo vissuto, troppo brevemente, nella Cina del capitalismo socialista e delle sue aberranti contraddizioni. In un’avventura di sette giorni, il protagonista incontrerà persone care smarrite da tempo, imparando nuove cose di loro e di se stesso. Conoscenti e sconosciuti gli racconteranno, poi, la propria storia nell’inferno vero, l’Aldiquà: demolizioni forzate, corruzione, tangenti, feti buttati nel fiume come rifiuti, miriadi di poveracci che pullulano in bunker sotterranei come formiche, traffico di organi, consumismo sfrenato… La morte livella le diseguaglianze, svelando l’essenziale, e i cittadini di questa necropoli soave uscita dalla penna di Yu Hua ci insegnano tutta la semplicità dell’amore.

martedì 1 agosto 2017

Recensione "Se una notte d'inverno un viaggiatore"

Titolo:Se una notte d'inverno un viaggiatore
Autore: Italo Calvino
Editore: Mondadori
Anno Pubblicazione:1979
Numero Pagine: 304
Trama
E' un romanzo sul piacere di leggere romanzi: protagonista é il lettore, che per dieci volte comincia a leggere un libro che per vicissitudini estranee alla sua volontà non riesce a finire. Ho dovuto dunque scrivere l'inizio di dieci romanzi d'autori immaginari, tutti in qualche modo diversi da me e diversi tra loro.


Recensione
Calvino si sa, o si ama o si odia. Se nei libri che ho letto finora ho trovato sempre dei buoni spunti di riflessione e una trama avvincente, in quest'ultimo, ho fatto molta fatica a seguirlo e a seguire il filo logico. Molto probabilmente è stato anche a causa del momento in cui l'ho iniziato, visto che avevo altri pensieri per la testa (mea culpa), ma a tratti l'ho trovato noioso e di difficile comprensione. Per spiegare la trama non basterebbe un giorno, ma forse un brano tratto dal libro la riesce a spiegare molto meglio di me:
"Vorrei poter scrivere un libro che fosse solo un incipit, che mantenesse per tutta la sua durata la potenzialità dell’inizio, l’attesa ancora senza oggetto. Ma come potrebb’essere costruito, un libro simile? S’interromperebbe dopo il primo capoverso? Prolungherebbe indefinitamente i preliminari? Incastrerebbe un inizio di narrazione nell’altro, come le Mille e una notte?"
Ed è esattamente la struttura del libro, un libro creato da soli incipit di tanti diversi racconti, intervallato da una storia tra il Lettore e la Lettrice (Ludmilla) che fa da sfondo.
Nonostante la complicata struttura e trama, ho adorato le parti in cui Calvino si riferiva a noi lettori, mostrando di conoscere molto bene le nostre abitudini (da come riponiamo i libri in casa, da come e dove li leggiamo ecc...). 
Detto questo, non voglio togliervi il piacere di leggere il finale (che ho trovato splendido e in linea con l'intero libro), preparatevi quindi a leggere la storia di un lettore frustrato che non riesce a terminare la lettura di un libro ma si ritrova a leggere dieci incipit diversi senza mai avere una conclusione. 
Ma alla fine, la conclusione di tutti e dieci i libri, non potrebbe essere la stessa conclusione del libro?
Valutazione: Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

venerdì 28 luglio 2017

Recensione "Il vecchio e il Mare"

Titolo: Il vecchio e il Mare
Autore: Ernest Hemingway
Editore: Mondadori
Anno pubblicazione: 1952
Numero Pagine: 96
Trama
Ambientato a Cuba, il romanzo si apre descrivendo Santiago, un vecchio pescatore solitario che lavora con una barca a vela nella corrente del Golfo, che da ottantaquattro giorni non riesce a prendere neppure un pesce. Nei primi quaranta giorni lo aveva accompagnato un ragazzo di nome Manolin ma, dopo così tanto tempo passato senza successo, i genitori del ragazzo avevano sentenziato che il vecchio era decisamente e definitivamente salao (che è la peggior forma di sfortuna) e obbligato il ragazzo ad imbarcarsi su un'altra barca dove aveva preso tre bei pesci nella prima settimana. Per Manolin era triste veder arrivare ogni giorno il vecchio con la barca vuota e così scendeva ad aiutarlo a trasportare le lenze addugliate o la gaffa e la fiocina e la vela serrata all'albero. La vela serrata della barca di Santiago ricordava la sconfitta, e quando dispiegata si notava che era rattoppata con sacchi da farina. Nonostante ciò Manolin continuava comunque ad avere fiducia nel vecchio che considerava non solo suo maestro ma soprattutto amico.
Recensione
Era da un po' che avevo questo libro sugli scaffali ed erano anni che cercavo l'ispirazione giusta per leggerlo e godermelo. E' il mio primo Hemingway e non sapevo cosa aspettarmi da questo autore studiato al liceo e di cui ricordavo un bel poco.
La storia si concentra sul vecchio pescatore che, reduce da una stagione di pesca deludente, ci riprova e cerca di catturare un grande pesce. Il libro di poco più di 100 pagine, scorre velocemente; narrato in terza persona, sembra quasi ritrovarci sulla barca ad affrontare le correnti (sconsigliato a chi soffre di mal di mare). Sembra quasi una metafora alla vita, questo piccolo gioiello e si entra in simbiosi perfetta con il personaggio. Dopo notti e giorni di attesa, ci si ritrova a dover mangiare del pesce crudo, a soffrire il filo sulla schiena e il dolore alle mani, ma noi, come il vecchio, non ci scoraggiamo e lottiamo fino alla fine per portare a casa il cibo. Ma si sa, la vita non sempre va come vogliamo e ad una fortuna smisurata si accompagna sempre la disgrazia, "la vita dà, la vita toglie".
Consigliato a chi ha voglia di leggere un racconto breve ma di qualità, a chi ha voglia di leggere storie di mare, di pesca, di uomini che lottano contro le avversità della vita.


Valutazione: Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

giovedì 27 luglio 2017

Assenza dal Blog

Un piccolo post per scusarci dell'assenza in questi giorni ma il 25 luglio mi sono finalmente Laureata! Cercherò di riprendere i post il prima possibile e di pubblicare le recensioni che ho in sospeso!



Un bacio e a presto!

sabato 1 luglio 2017

Recensione "Le notti di Salem"

Titolo: Le notti di Salem
Autore: Stephen King
Editore: Sperling (Sonzogno prima ed.)
Anno Pubblicazione: 1979 (prima ed.)
Numero Pagine: cc 650
Trama
Uno scrittore torna nel villaggio della sua infanzia, conosciuto come 'salem's Lot, per esorcizzare una terribile esperienza vissuta da ragazzino a Casa Marsten, un misterioso edificio che domina il paese. Ma chi è il sedicente signor Barlow, il nuovo proprietario della dimora? Perché la sua presenza è percepibile solo dopo il tramonto? E che cosa sta succedendo ai pacifici abitanti della cittadina?

Recensione
Questo libro  lo iniziai l'anno scorso verso ottobre e dopo qualche capitolo non riuscivo più ad andare avanti per la noia e preferii leggere l'Ombra dello Scorpione (recensione). L'ho ripreso qualche mese fa e, complici l'ultimo esame da preparare e la tesi di laurea, questo libro non riuscivo a farmelo piacere. Lo trovavo noioso, non accadeva niente di sconvolgente nelle prime 100 pagine, ma con tanta forza di volontà andai avanti e felicemente mi son dovuta ricredere.
Se un terzo del libro si limita a presentare i personaggi secondari e a far conoscere l'intera cittadina senza avvenimenti particolarmente significativi; l'altra parte del libro è un mix di tensione, di suspence, di particolari macabri e inquietanti che solo il Re può descrivere così bene.
Una cittadina viene sconvolta dall'arrivo di tre nuovi forestieri, Ben, un noto scrittore e Straker e Barlow che affittano una casa a lungo abbandonata, per aprire un antiquario. Il loro arrivo coincide con la sparizione di un bambino e l'intera Salem si chiede di chi sia la colpa. Partono qui le indagini, le curiosità e i pettegolezzi di questa città che porteranno Ben a rivivere gli incubi del passato.
Ultimamente i libri sui vampiri sono andati molto di moda, ma questa volta Stephen ci fa assaporare la vera natura dei vampiri (niente vampiri sdolcinati, compassionevoli, storie d'amore), vampiri che ti succhiano il sangue e ti uccidono volta per volta. Un libro che mette insieme tutti i film e i libri sullo stesso argomento, riuscendo a creare nel lettore quel senso di conoscenza e di stupore allo stesso tempo. Perché è vero, i vampiri si tengono lontani dalla luce del sole, dalle croci, dall'acqua santa e dall'aglio, ma si possono affrontare veramente con questi pochi elementi così banali?
Maestro nelle descrizioni, King non delude neanche questa volta.
"Se una paura non si può articolare, non la si può soggiogare"

Valutazione: Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic